Entroterra

Esplorando le bellezze
naturali di Agios Nikolaos.

Home / Destinazioni / Entroterra

Entroterra

La bellezza del comune di Agios Nikolaos non è limitata alla fascia costiera. L’incanto della natura e la grandiosità della tradizione cretese, continuano nell’entroterra. Pittoreschi villaggi, a pochi minuti di distanza da Agios Nikolaos, promettono al visitatore un viaggio nella storia di Mirabello.

Inland in figures

L’entroterra di Agios Nikolaos comprende più di 70 paesini e insediamenti con un forte carattere tradizionale.

Ano Mirabello

Kato Mirabello

Cultura

Lato

Una delle più importanti città-stato dei Dori a Creta, considerata la città meglio conservata dell’epoca classico-ellenistica. Eretta sul valico di due colli, in posizione strategica, così da risultare protetta su tutti i fronti. Si narra che il suo nome derivi da “Lito” (forma dorica di “Lato”), madre di Apollo e di Artemide. La principale divinità venerata nella città era Ilizia, raffigurata anche sulle monete. La città fu distrutta intorno al 200 a.C.

Orario di apertura: 08:00 -15:00, chiuso il Lunedì

Cultura

Antica Driros

È considerata un’importante città antica di Creta, costruita sul monte Kadistos, a Nord-Est dell’odierna Neapoli Fu fondata nel 12° secolo a.C. e fiorì dal periodo geometrico/arcaico sino all’età ellenistica. Il sito archeologico comprende due acropoli divise da un’Agorà di epoca arcaica. Qui si trova anche il più antico tempio del periodo geometrico, dedicato ad Apollo Delfico. La città fu distrutta in seguito alla guerra civile scoppiata nel 220 a.C.

Attività

Agios Nikolaos offers a rich selection of outdoor activities throughout the year. Find what’s the next event during your stay.

Monumenti di arte sacra

Panagia Kera

Circa 500 metri a Sud dell’abitato di Kritsa si trova questa chiesa a tre navate, con volta a sesto acuto, con cupola, uno dei monumenti più importanti dell’isola. La navata centrale, dedicata alla Dormizione della Theotokos, fu probabilmente eretta in età medio-bizantina. A metà del 13° secolo, la navata centrale fu affrescata. Agli inizi del 14° secolo, la chiesa fu oggetto di estesi restauri. Nei primi decenni del 14° secolo, furono restaurati i soggetti degli affreschi della navata centrale e furono erette le due navate laterali (dedicate rispettivamente, quella settentrionale ad Agios Antonios e quella meridionale ad Agia Anna), le quali furono a loro volta affrescate. Il ricco programma iconografico e i vari stili degli affreschi fanno della chiesa della Panagia Kera a Kritsa il più importante monumento della zona. Particolarmente degni di nota sono la raffigurazione di San Francesco d’Assisi, visibile sulla navata centrale, nonché le immagini ispirate ai vangeli apocrifi sulla navata di Agia Anna.

Monastero di Areti

Il monastero fu fondato alla fine del 16° secolo. Malgrado fosse stato distrutto dai Turchi nel corso della rivoluzione el 1821, ha continuato a funzionare ed è stato in parte restaurato verso la fine del 19° secolo. Il monastero viene rifondato nel 1955-56, mentre negli anni ‘90 viene completamente restaurato. Nel cortile centrale vediamo il grande katholikon, dedicato alla Santa Trinità e restaurato nel 1880-81, nonché la cappella, probabilmente tombale, di Agios Lazaros.

Monastero di Kardamoutsa

Monastero dedicato alla Croce Santa, fondato verso la fine del 16° secolo e giunto al suo massimo splendore nel corso del 17° secolo. Il katholicon risale al 1580, sorge al centro del monastero ed è una semplice chiesa a navata unica con volta a botte. Attorno ad esso si sviluppano i restanti edifici del monastero, restaurati dopo la sua rifondazione.

Le varie costruzioni, a uno o due piani, hanno un aspetto sobrio e sono fatte della scura pietra calcarea locale. Particolare cura è stata posta nella decorazione del Katholikon, caratterizzato da un dettagliato bassorilievo, da un rosone in bassorilievo sulle finestre e tavole ornamentali a forma di croce sul lato orientale.